Warning: Illegal string offset 'filter' in /web/htdocs/www.psicoterapiastoccoro.it/home/wp-includes/taxonomy.php on line 1408

Warning: Illegal string offset 'filter' in /web/htdocs/www.psicoterapiastoccoro.it/home/wp-includes/taxonomy.php on line 1408

Social Dreaming Online: nuovo incontro aperto a tutti


Warning: Illegal string offset 'filter' in /web/htdocs/www.psicoterapiastoccoro.it/home/wp-includes/taxonomy.php on line 1408
Share Button

Poche esperienze come quella del sogno uniscono gli esseri umani e ne testimoniano la sostanziale uguaglianza, continuamente negata nella vita a occhi aperti.

Malgrado oggi si ritenga che il sogno sia un’esperienza personalissima, privata, legata strettamente alle proprie esperienze e immaginazioni, in esso si riscoprono sorprendenti analogie e somiglianze con i viaggi notturni compiuti da altri. Nessuno di noi può assistere a un sogno di un altro ma fa parte della natura prodigiosa del sogno che sia lui a visitare più di una persona nello stesso tempo.
Il nostro cinema interno (Italo Calvino) ha, fin dall’antichità, rivestito un ruolo determinante nel formare un’identità sia individuale che collettiva e ha improntato la lingua magica del mito.
Già Artemidoro di Daldi, autore del primo libro di onirocritica nel II secolo d.C., segnalò i sogni collettivi, epidemie di sogni che si diffondevano in certi periodi della vita pubblica.
In alcune comunità primitive (I Senoi della Malesia) era consuetudine condividere i sogni, mitigando, attraverso il rispecchiamento reciproco di paure e desideri, la bellicosità insita nelle tribù.
Si deve però alla lettura del libro Il Terzo Reich dei sogni (della giornalista Charlotte Berardt,1968) l’idea di poter “ri-sognare” collettivamente i sogni.
Infatti i trecento sogni raccolti negli anni 1930 in Germania, rivelavano segnali inquietanti ed evidenti sul futuro, ai quali i sognatori individualmente non avevano dato alcuna importanza. I pensieri notturni svelavano quello che i pensieri razionali della veglia non avevano ancora registrato.
Il metodo del socio-analista inglese Gordon Lawrence ha una storia breve con una lunghissima preistoria e infinite possibilità.
Fuori dalla stanza d’analisi, dove sono stati così a lungo gelosamente custoditi, anche i nostri sogni tornano a pieno titolo nel mondo a interessarsi alla natura dei nostri collegamenti con gli altri.
Nelle matrici del Social Dreaming (sognare sociale/sognare insieme), la più recente e raffinata tecnica psicoanalitica per esplorare l’inconscio collettivo, sogni e ricordi non appartengono più alle persone che li raccontano ma vengono sperimentati come espressione di un patrimonio comune e trans-individuale.
Ai partecipanti si richiede di condividere sogni, immagini, fantasie e di sentirsi liberi di vagare col pensiero senza timore di essere giudicati in un clima di reciproca disponibilità garantito dal conduttore.
Il Social Dreaming è oggi applicato in tutto il mondo negli ambiti più disparati, dalle aziende alle scuole elementari, ai luoghi di guerra, alle carceri dove attiva il pensiero collettivo e creativo e, aiutando a comprendere il contesto sociale, pone le fondamenta per una reale esperienza della tolleranza tra i partecipanti.
E’ necessario un ribaltamento radicale della prospettiva: dall’abituale relazione tra chi salva e chi viene salvato, tra chi ha un problema e l’esperto in grado di risolverlo, si passa a un approccio collaborativo, dalla politica della salvezza a quella della scoperta reciproca.
Ciò vuol dire che la nuova conoscenza va presa in considerazione da qualsiasi luogo essa provenga e che i sogni non siano tanto predittivi del futuro quanto capaci di farci entrare in contatto con ciò che sta già avvenendo ma di cui non siamo ancora consapevoli, non solo riguardo la sfera privata ma soprattutto della comunità.

La pandemia da coronavirus ci ha improvvisamente precipitati in uno scenario di emergenza globale: le nostre biografie, finora così diseguali, si sono sincronizzate nella comune lotta al virus che ci costringe, per non infettarci, a rimanere isolati e distanti.
È necessario allora riprendere a sognare per ritessere insieme il mondo.

Il nuovo incontro sarà sabato 27 febbraio dalle 10 alle 12,30 e sarà condotto dalla dott.ssa Giovanna Cantarella e dal dott. Giancarlo Stoccoro, con la collaborazione del dr. G. Giorgetti e del supporto tecnico di ADR Congressi.

Per approfondimenti sul metodo: http://www.ciaksisogna.it/glossario/

Per lasciare il proprio sogno sul sito:
http://www.ciaksisogna.it/2020/03/22/lascia-il-tuo-sogno-una-proposta-di-social-dreaming-online/

Per leggere i sogni delle matrici già effettuate:
http://www.ciaksisogna.it/2020/03/30/matrici-di-social-dreaming-online-del-29-marzo-2020/
http://www.ciaksisogna.it/2020/04/07/uniti-nella-distanza-matrici-online-del-4-e-5-aprile-2020/
http://www.ciaksisogna.it/2020/04/19/matrice-online-del-13-aprile-2020/
http://www.ciaksisogna.it/2020/05/02/matrice-online-del-26-aprile-2020/
http://www.ciaksisogna.it/2020/05/16/matrice-online-del-3-maggio-2020/


Per ogni informazione non esitare a contattare il dott. Giancarlo Stoccoro: