Il ruolo psicologico del panico nelle emergenze: collaborazione o competizione?

Share Button

Nessun film di disastri di Hollywood che si rispetti sarebbe completo senza una scena in cui i membri della folla fuggono in un apparente panico cieco e attraverso la loro reazione eccessiva corrono verso la loro stessa distruzione. Questo tipo di risposta è stato sicuramente ampiamente utilizzato in risposta all’attuale epidemia di coronavirus, più comunemente in relazione alla nozione di acquisto da panico.

Ma nei circoli scientifici il “panico” – e, più specificamente, l’idea che sia la cieca e competitiva ricerca dell’interesse personale che trasforma i disastri in tragedie – è stata oggetto di una crescente attenzione.
Da un lato, dove le persone sono morte, si lega, generalmente, al fatto di aver reagito in modo insufficiente (non avendo seguito i segni del pericolo nel tempo) o, al contrario, di aver reagito in modo eccessivo.
D’altra parte, un’attenta analisi di ciò che le persone fanno nei disastri tratteggia un’immagine molto diversa dall’immagine convenzionale. Mentre alcuni possono agire in modo egoistico, molte persone si comportano in modo ordinato e misurato, strutturato secondo le norme sociali. Si aiutano a vicenda, si aspettano a vicenda e non aiutano solo la famiglia e gli amici, ma anche gli estranei. 

In effetti, il concetto di panico è stato in gran parte abbandonato da coloro che studiano i disastri poiché non descrive né spiega cosa fanno le persone in tali situazioni. Le persone generalmente non agiscono in modo irrazionale o egoistico nelle crisi. Al contrario, una ricerca recente sottolinea come sperimentare una minaccia o un pericolo comuni possa portare le persone a sviluppare un senso di identità condivisa o “solidarietà” e, laddove ciò accade, porta a sua volta a una cooperazione e un sostegno rafforzati per gli altri.

Ciò significa che, lungi dall’essere le persone agenti irrazionali della propria distruzione, la loro tendenza all’aiuto reciproco in caso di emergenza è la migliore risorsa disponibile per una società. E ci sono già segni di una simile reciprocità che si sta sviluppando durante l’attuale crisi in Italia.

Tuttavia, queste tendenze sono fragili e tutt’altro che inevitabili. L’identità condivisa può verificarsi in misura maggiore o minore e ciò è associato ad un supporto e ad un coordinamento migliori o peggiori nel gestire un’emergenza. Da un lato, quindi, l’emergere dell’identità condivisa in una crisi (e di una risposta più efficace) può essere incoraggiato rivolgendosi al pubblico in termini collettivi e spingendoli ad agire per il bene comune. Al contrario, l’identità condivisa (e le risposte efficaci) possono essere minate creando divisioni e inducendo la concorrenza tra le persone.

Questo è esattamente ciò che sta accadendo in questo momento con tutto il parlare di acquisti da panico. In un contesto in cui viene chiesto alle persone di prepararsi per un potenziale autoisolamento per un lungo periodo, i racconti e le narrazioni su altri membri della comunità che sono fuori controllo e che acquistano quantità eccessive di una risorsa preziosa servono a creare un senso di tutti per se stessi e il diavolo prende il massimo. Inoltre, è del tutto ragionevole che le persone escano e acquistino tali risorse da soli e questo è ulteriormente aggravato dalle immagini di scaffali vuoti che illustrano il “costo da pagare” se si ritarda l’acquisto. Tutto sommato, se si è convinti che i propri vicini stiano irrazionalmente comprando (diciamo) i rotoli di carta igienica, allora non è “panico” uscire e comprare i rotoli di carta da soli prima che se ne siano andati tutti.È una risposta del tutto ragionevole alle informazioni disponibili. Semmai, sarebbe stupido non rispondere.

Il punto più generale è che l’uso della nozione di “panico” – e dell’acquisto di panico più specificamente – non è semplicemente non scientifico. È attivamente dannoso. Le storie che usano il linguaggio del “panico” aiutano a creare gli stessi fenomeni che dicono di condannare.

In conclusione, il comportamento che stiamo attualmente osservando nei supermercati non è l’acquisto da panico e non dovrebbe essere descritto come tale. Anche dire alla gente di non farsi prendere dal panico è controproducente, perché questo di per sé suggerisce che c’è qualcosa di cui “farsi prendere dal panico”, che alcune persone sono in realtà in preda al panico e che quindi non possiamo contare l’uno sull’altro. Il motivo per cui questo è così tossico è che, di fatto, riusciremo a superare questa crisi solo agendo insieme come comunità. In termini pratici, ciò significa che

dobbiamo fidarci l’uno dell’altro

Uno degli strumenti per farlo è il social dreaming che permette veramente di ritessere il mondo. Noi lo facciamo in maniera gratuita offrendo a tutti la possibilità di partecipare. Il prossimo appuntamento è fissato per

 

domenica, 26 febbraio | dalle 10:00 alle 12:00

CLICCA QUI PER AVERE TUTTE LE INFORMAZIONI

Contemporaneamente è sempre possibile contattare il dott. Giancarlo Stoccoro al numero telefonico 338 655 33 28 oppure attraverso questa form: